Tirelli & partners Logo
  • Ufficio stampa
  • News
  • Bonus facciate 2020

Bonus facciate 2020

Come funziona la detrazione del 90 per cento in arrivo dal 1 gennaio 2020

E’ il bonus facciate la principale novità in arrivo per quanto riguarda le detrazioni fiscali applicabili nel corso del 2020.

L’agevolazione è contenuta nel Ddl di Bilancio, al comma 1.1 dell’articolo 16 del Dl 63/2013 e prevede una detrazione del 90 per cento per le spese sostenute nel 2020 per interventi edilizi finalizzati al recupero o al restauro della facciata degli edifici.

Come funziona la detrazione fiscale per le facciate

La detrazione per le facciate è prevista per le spese di manutenzione inclusa quella ordinaria, ad esempio anche una semplice tinteggiatura. Nessun limite di importo: l’unico vincolo presente è che le spese debbano essere sostenute nel 2020. In particolare, non si applicano i limiti di spesa di 96mila euro per unità immobiliare previsto dal bonus ristrutturazioni.

Bonus facciate 2020, cosa comprende

I lavori oggetto della detrazione comprendono ogni rifacimento delle facciate e includono:

  • Tinteggiatura, ripulitura, intonacatura, pulitura delle facciate
  • Rifacimento balconi, fregi e ornamenti ovvero strutture opache delle facciate. Sono dunque esclusi i pluviali e le grondaie.

Detrazione facciate 90% e isolamento termico

Quando l'intervento sulla facciate coinvolge più del 10% della sua superficie o se ha un impatto sul suo isolamento termico, per usufruire del bonus è necessario isolarla termicamente, in modo da raggiungere i requisiti di trasmittanza termica prescritti dal Dm 26 gennaio 2010. L'alternativa è di chiedere la detrazione del 50% sulle ristrutturazioni o l'ecobonus del 65, che sale al 70% per interventi che interessano almeno il 25% della facciata. Il vantaggio dell'ecobonus è che quest'ultimo prevede la cessione del credito di imposta.

Detrazione fiscale facciate 2020, dove è valida

  • Il bonus facciate 2020 vale solo nelle zone territoriali omogenee A e B, e cioè quelle che comprendono agglomerati urbani di carattere storico, artistico e di pregio ambientale, comprese le aree circostanti che ne fanno parte integrante. Nelle altre zone vale la detrazione del 50%.